Il fu, lo yuefu, lo shi e la traduzione geyi (II sec. a.C. IV d.C.)

In epoca Han assistiamo alla nascita del “fù” (賦) nella prima parte della dinastia Han (Han Occidentali o Anteriori) e dello “yuèfú” (樂府) nella seconda fase della dinastia Han (ma sempre durante gli Han Occidentali).

Il , dotto e artificioso, è conosciuto come prosa rimata ma anche prosa-poesia o poesia in prosa ed è un genere poetico particolare senza regole stilistiche molto codificate e precise ma spesso ha versi molto lunghi. È scritto in uno stile ricercato, immaginoso, retorico, ricco di iperboli e fronzoli, di cui si servono autori desiderosi di far sfoggio della propria cultura. L’autore cerca non solo di trattare tutti gli aspetti dell’argomento in questione, ma tenta anche di esaurire tutte le risorse del linguaggio che sono legate ad esso. Dal punto di vista stilistico trae spunto dalle elegie di Chu. I versi delle “Elegie di Chu” (Chuci) vanno dai 2 agli 11 caratteri e spesso finiscono con la particella “xi” che forse faceva da cesura all’interno di un unico verso. Anche i fu hanno versi lunghi e variabili. Le Odi (Shijing), invece, hanno verso quadrisillabici (di 4 sillabe). Il quindi è più vicino al Chuci che allo Shijing. La famiglia Han deriverebbe dallo stato di Chu, lo stesso menzionato nel Chuci. Nel fu sono presenti figure retoriche e parti in prosa e anche le parti poetiche possono essere più discorsive. Per questo il viene tradotto come poesia-prosa. Una caratteristica del è che suona bene, ha una certa cadenza musicale ma diversamente dagli altri tipi di poesia, nati da canti, è nato per essere letto ad alta voce ma non cantato. Soprattutto con l’avvento degli Han Posteriori, il fu è spesso utilizzato per scopi celebrativi verso l’imperatore e verso tutti gli aspetti connessi a lui (caccia, parchi…). Il primo autore a parlare di fu è Xunzi e lo fa per esprimere contenuti filosofici in stile di dialogo. Ma è in epoca Han che il viene codificato e considerato genere stilistico. È soprattutto con Sīmǎ Xiāngrú (179-117 a.C.) che il fu acquisisce una certa importanza. Xiangru è di famiglia umile e fu istruito soprattutto dalla madre, sposò una donna benestante. Xiangru scrisse una poesia su uno dei pilastri di un ponticello, un componimento chiamato Zixu (“Il signor Vuoto” o “Signor Nulla”) che fu notato dall’imperatore: incominciò a lavorare per l’imperatore descrivendo lo sfarzo di palazzo come si può notare dello Shanglin fu (Il parco imperiale). Ciò che contraddistingue il è l’uso di figure retoriche ridondanti e contrastanti frequenti ed esagerate e l’uso di descrizioni dettagliate che spesso fanno del un componimento poco originale anche se molto dotto. Fra i composti da Xiangru a corte ricordiamo il fu Shanglin fù (上林赋, “Il parco superiore”). Fra i componimenti che scrisse a corte ce ne sono alcuni rivolti alle persone: fra questi un di lamento amoroso di una moglie dell’imperatore. I di Xiangru pervenutici però sono pochi. Fra gli autori che scrissero ricordiamo Méi Chéng (morto del 140 a.C.) che scrisse il Qīfā (七发, I sette avvisi), nei quali finge che il principe ereditario è malato e che un uomo vada a fargli visita promettendogli di farlo guarire dopo che gli avrebbe raccontato sette piaceri (musica, banchetti, corse dei carri, amore, caccia, osservare un fiume in piena in una sera d’autunno) in forma di poesia. Le imitazioni di questo , in cui vengono affrontati sette argomenti anziché uno, costituirono un genere a sé stante, il qi (sette). Sotto Mei Cheng il acquisisce una modalità didattica e moralistica, non più celebrativa come nel caso di Xiangru.

***

Fine contenuto visibile ai non iscritti

Ciao, sono Silvia 🙂 Se sei interessato a questo e ad altri articoli originali di cincina.blog ti invito ad iscriverti per un anno intero. Il costo dell’iscrizione è simbolico per il tuo supporto al mio lavoro.

Se ti iscrivi accederai a tutti gli articoli del blog e potrai sbloccare i contenuti sulle funzioni del fu, lo yuefu, il Gushi shijiu shou, il Mouzi Lihuo Lun, il ruolo del buddhismo nella letteratura e tanto altro.

Non perderti il resto…Iscriviti!

Iscriviti per continuare a leggere!

Accedi a tutti i contenuti del blog

Bibliografia: – La letteratura cinese, Bertuccioli (pag 9-166)

                   – Letteratura cinese, Idema-Haft (pag 4-140)

                   – appunti delle lezioni della Professoressa Casalin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...