Shenzhen

Ho vissuto a Shenzhen solo per un mese e mezzo però ho avuto modo di girarne diverse parti.

L’impressione che mi ha dato è quella di una città moderna, piena di palazzi alti e moderni, ma anche di palazzi più semplici. L’architettura qui è comunque mediamente più moderna rispetto alle altre grandi città cinesi, visto che Shenzhen è stata costruita su un villaggio di pescatori come prima città economica della Cina.

A Shenzhen ci sono molti locali, forse non così variegati come a Pechino o a Shanghai, ma c’è una movida come nelle altre grandi città cinesi. Non è raro neanche trovare centri commerciali quasi ovunque. La zona di Luohu (罗湖) è quella un po’ più “in”, ed è una delle zone meglio connesse con Hong Kong. Basta prendere una metro, fare qualche metro a piedi ed eccoci alla frontiera con Hong Kong, dalla quale si può prendere una metro che ti porta in città. E’ anche una meta comoda per chi deve estendere la propria visa e non ha tempo da sprecare in giri vari. Dopo aver superato la frontiera, infatti, basta fare una fermata di metro verso la città di Hong Kong e tornare indietro, per poi risuperare la frontiera da HK alla Cina. La metropolitana è molto comoda e pulita, ma non copre interamente l’ampia area di Shenzhen allo stesso modo della metro di Pechino. Le linee metro, infatti sono giusto 8/9 e lasciano molte zone scoperte.

img_20161106_125014

La parte antica è povera ma c’è, perché l’area di Shenzhen ricopre vecchi villaggi di cui sono stati salvati pochi esempi (purtroppo). Basta spostarsi nella zona estremo nord-est (Longgan, 龙岗) o est. Quest’ultima è molto particolare perché possiede un quartiere di una minoranza etnica cinese, quella Hakka (客家民族). Esistono poi anche altri ruderi di torri e muri.

Il fascino di Shenzhen per me sta nella variegatezza della società cinese, fatta più di cinesi non nati nella città, e nella posizione strategica. Shenzhen è infatti a due passi da Hong Kong e vicina a Guangzhou. Inoltre possiede molte zone limitrofe naturali, diversi parchi ed è essenzialmente una città molto verde, grazie anche al clima generalmente mite o torrido e umido.

 

La comunità straniera è in continua crescita ed è variegata.

La lingua parlata generalmente non è il cantonese ma il mandarino. Questo proprio perché nonostante geograficamente sia molto vicina a Guangzhou (Canton), in realtà è popolata da cinesi provenienti da altre regioni (Hunan, Hebei ecc.).

Come molte città cinesi, anche Shenzhen sta conoscendo una maggiore contaminazione dell’architettura occidentale. Ecco nascere zone come Window of the World, dove si possono osservare ricostruzioni recenti di palazzi in vari stili occidentali. La prima impressione è quella di essersi teletrasportati, per esempio, a Vienna.

Some example of western style buildings that are increasing in some quartiers in many chinese cities.

A post shared by Live in China🇮🇹💘🇨🇳 (@live.in.china) on

…..più info prossimamente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...